Connect with us

Altri Sport

Il Biasca fa suo anche il secondo derby del Gottardo

Sabato scorso al Palaroller, oltre a più di 130 aficionados, erano presenti le nuove telecamere della RSI. Installate a bordocampo per ultimare una fase di test, hanno ripreso l’intera partita da molteplici angolazioni. Dire che il Biasca non ha sfigurato davanti a questo pubblico d’eccezione sarebbe usare un eufemismo. Un remissivo Uri si è infatti trovato di fronte a dei padroni di casa intrattabili, rimediando una scoppola che resterà negli annali. I ticinesi hanno centrato l’exploit con uno dei loro giocatori cardine in panchina: Pablo Saez ha per l’occasione rivestito i panni dell’allenatore in modo da concedere preziosi minuti di gioco ad Elia Guarisco.

Come nella partita d’andata giocata a Seedorf, è Giacomo Scanavin a mostrare la via ai compagni, aprendo le marcature con una deviazione fulminea al 3’25’’. Lo stesso Scanavin è poi stato costretto a lasciare il gioco poco dopo a causa di un dolore muscolare. L’episodio non ha però impedito ai viola di macinare gioco e di portarsi sul 4:0 nei 10 minuti successivi grazie alla doppietta di Ivan ‘Piwi’ Ruggiero (7’58’’ e 9’34’’) e alla rete di Mattia Bigiotti (11’36’’). Al 10’, l’Uri ha avuto un’insperata occasione di accorciare su tiro diretto, ma Patrick Greimel (ex RCB) ha mancato l’appuntamento col gol.

Alla squadra ospite sono sembrati mancare i mezzi per reagire e, ad affossarne uteriormente il morale, sono arrivate le tremende staffilate dalla distanza di Gregorio Boll (15’34’’) e di Timo Devittori (16’35’’).

A ben poco sono valsi i numerosi avvicendamenti di portiere effettuati dall’Uri, che si è ritrovato a passare dalla padella alla brace nel secondo periodo. Al 28’ gli urani sono obbligati a subire una doppia beffa: prima l’infortunio di Greimel, che abbandona il campo zoppicando, seguito a ruota dalla giocata d’astuzia firmata dalla premiata ditta ‘Piwi’-Gregorio. Pallina alzata da dietro la porta e conclusione al volo “alla Crosby” che vale il 7:0. Nonostante l’ampio margine di vantaggio, gli indiani sono ben lungi dal sotterrare l’ascia di guerra e al 31’ trovano l’ennesima ripartenza ficcante sull’asse Devittori-G. Boll.

Due minuti dopo è capitan ‘Piwi’ a sfiorare la nona rete, accarezzando la traversa su passaggio illuminante di Gregorio.

I tori tornano a dare segni di vita a 15 minuti dal termine, costringendo C. Boll al fallo in area e guadagnandosi il secondo rigore del confronto. Figueiredo, ancora impeccabile, nega anche in quest’occasione il gol della bandiera agli ospiti.

Gli allenatori Pezzati e Saez decidono di concedere gli ultimi 5’ del confronto al secondo portiere, Michael Buechler. Il veterano risponde presente e mantiene la porta di casa inviolata.

Sullo scadere del confronto si segnalano anche la prima rete stagionale di Elia Guarisco, ben imbeccato dal solito capitano, e l’autorete sulla spettacolare azione imbastita da Bigiotti e Ruggiero, che permettono ai rivieraschi di chiudere il confronto in doppia cifra.

In una partita pazza come quella di sabato 21 è giusto lodare i meriti delle solite punte offensive – hat-trick di Gregorio e di ‘Piwi’, che ha pure confezionato 3 assist decisivi –, ma va sottolineato più che mai lo sforzo collettivo, partendo dal grande lavoro del reparto difensivo, sorretto da Pietro Giger, Camillo Boll e un Figueiredo in formato saracinesca (primo prezioso shutout stagionale per lui!).

Grazie alla prestazione di ieri il Biasca incamera altri tre punti pesanti in vista dei playoff e si issa momentaneamente al primo posto della classica con 19 punti. Affrontare le quattro sfide rimanenti arrivando da una serie di tre successi consecutivi non può che far bene al morale della squadra.

L’Uri, pescato al sorteggio dello scorso 15 gennaio a Magglingen, tornerà a sfidare i biaschesi nei quarti di finale di Coppa svizzera, ma dovrà dimostrare tutt’altra attitudine se vorrà sperare di impensierire quella che per ora si è rivelata la sua “bestia nera”.

Foto – ©RC Biasca

 

Click to comment

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: